A CAPOVERDE




Tetescia, il suo nome da bambino.
di Antonio Fidalgo de Barros

Da bambino lo chiamavano Tetescia, un nomignolo che viene da Mateus. Infatti, lui nacque il giorno di S. Matteo – il 21 Settembre 1938, nell’isola di Brava. Ma quando, nel 1964, partì per l’Italia ed è entrò due anni dopo, nella famiglia dei Cappuccini, ricevette un nome nuovo – Paolino - in ricordo, credo, di Padre Paolino Bianco da Busca, un dei primi missionari piemontesi arrivati nelle nostre isole, nel 1947, e morto meno di due anni dopo, nella città di S. Filipe, Fogo.

I medici dell’Ospedale di Praia hanno fatto quello che potevano e sapevano per salvarlo da un grave problema di circolazione alle gambe. Prima una amputazione parziale del piede, seguito da infezioni, poi una totale. Niente da fare. Un blocco renale e poi un lento spegnersi. Le sue ultime parole sono state “Padre Onnipotente!”, che ha pronunciato insieme ad un gruppo che pregava attorno al suo letto.
Una morte serena, avvenuta al mattino del 17 Marzo e che ha impressionato vivamente il gruppo che gli era vicino. La stessa infermiera di servizio ha voluto fare la foto del volto di Paulino, ormai morto, ma sorridente.
Padre Paulino ha lavorato in quasi tutte le stazioni missionarie di Capo Verde e ha lasciato le sue impronte in tutte, soprattutto in seno ai giovani che erano la sua passione.
Con Padre Pio Gottin imparò la semplicità di vita e l’attenzione ai più poveri.
Segno dei suoi 34 anni di impegno come frate e come sacerdote, segnati da momenti di molta gioia ma anche di molta sofferenza, è stata la grande moltitudine di persone, presente al suo funerale, a Brava. Anche dalla vicina isola di Fogo sono giunti in moltissimi con la nave.
Il Vescovo D. Paolino Évora ha commentato:
«l’amorosa affabilità con cui trattò il Popolo di Dio a lui affidato, è stata ricambiata con queste meritevoli manifestazioni di comunione».
Ora Paulino, primo cappuccino capoverdiano della nostra Vice-Provincia, riposa nella gioia dell’eternità, insieme a tanti confratelli italiani che lavorarono in queste isole e che gli insegnarono ad amare Gesù e a non avere paura di spendere la vita al servizio della gente.

ARCHIVIO GIORNALE

>> I Fratelli del Popolo >> Ricordi di un pioniere >> La storia comincia
>> Tetescia >> Padre Gesualdo Fiorini >> Nha Rita


(pdf)

I Cappuccini

Nel Mondo

In Italia

A Capo Verde

Padre Ottavio
(filmato)

Velisti x caso
(filmato)


(pdf)

60 Missione
(pdf)


Contro chi devo lottare (ppt)

Torna a inizio documento