NEL MONDO

 


"Oh io amo tutti in Gesù Cristo;
e tanto gli Etiopi,quanto gli Europei
riguardo come miei fratelli:
e se avessi altra vita da spendere,
senza esitazione la sacrificherei
per la loro salvezza".


Gugliemo, alla fine del suo coraggioso cammino, attende l'Amico Fedele.

21 novembre 1952, francobollo commemorativo

Guglielmo, come Francesco,
canta la creazione di Dio.


Gugliemo, tra peripezie varie,
che sanno dell'incredibile;
deve travestirsi da mercante...


Maria è la Madre
che protegge dai pericoli

Abuna Messias
Guglielmo Massaja

E’ un gigante della storia missionaria, dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e della Chiesa.
In lui si realizza quanto di meglio è augurabile ad ogni missionario:
itineranza, pazienza, disponibilità, grande spirito di adattamento, abnegazione, grandissimo amore alla gente e a Cristo.
Guglielmo nasce l’8 giugno 1809 a Piovà d’Asti, in suo onore, oggi, Piovà Massaja, con i nomi di Lorenzo Antonio e frequenta il seminario del Collegio Reale di Asti.
Indossa il saio cappuccino alla chiesa Madonna di Campagna di Torino l’8 settembre 1826 col nome di Guglielmo. Sacerdote nel 1832. Ricopre il ruolo di cappellano dell’Ospizio Mauriziano di Torino dove apprende le nozioni di medicina e chirurgia che gli serviranno poi in Etiopia.
Confessore di Giuseppe Benedetto Cottolengo e di Silvio Pellico. Nel 1846, Papa Gregorio XVI lo nomina Vicario Apostolico della popolazione dei Galla che raggiunge, risalendo il Nilo e attraversando il deserto, travestito da mercante arabo.
Presso i Galla vive 35 anni di missione tra alterne vicende:
ricordiamo 8 traversate del Mediterraneo, 12 del Mar Rosso, 4 pellegrinaggi in Terra Santa; 4 esili e le altrettante prigionie e innumerevoli rischi di morte e questo non è ancora tutto il bilancio del suo leggendario apostolato.
Il Massaja fonda diverse missioni e scrive
“Il primo catechismo in lingua galla”.
All’annuncio della Buona Notizia di Gesù affianca una vasta opera sociale.
Cura malattie endemiche, come il vaiolo, acclamato Padre del Fantatà
(Signore del vaiolo); interviene come chirurgo nei casi d’urgenza; crea centri assistenziali; calma, con il suo grande equilibrio e la pace, gli odi tribali; pubblica a Parigi
“La prima grammatica
in lingua galla”;

favorisce spedizioni diplomatiche e scientifiche…e soprattutto
è un "Santo" Apostolo.
Grande Ufficiale dell’Ordine Mauriziano; consigliere dello stesso Menelich II, re dello Scioà, Guglielmo è considerato il fondatore
di Addis Abeba (Nuovo Fiore), capitale dell’Etiopia nel 1889.
Esiliato dall’imperatore Johannes IV il 3 ottobre 1879, perché invidioso del suo prestigio personale.
Papa Leone XIII lo nomina Arcivescovo e nel 1884 Cardinale.
Alla morte avvenuta a S.Giorgio a Cremano (Napoli) il 6 agosto 1889, lo stesso Pontefice esclama:
“è morto un Santo!”.
Guglielmo è sepolto nella chiesa dei Cappuccini a Frascati, dove era vissuto in povertà ed umiltà

ARCHIVIO GIORNALE

>> I figli di San Francesco >> San Bonaventura >> Abuna Messias....
>> Francesco d'Assisi, ieri e oggi >> Ero affamato e mi avete... >> Antonio d'Abbadie scrive
>> Profeti del significato


(pdf)

I Cappuccini

Nel Mondo

In Italia

A Capo Verde

Padre Ottavio
(filmato)

Velisti x caso
(filmato)


(pdf)

60 Missione
(pdf)


Contro chi devo lottare (ppt)

Torna a inizio documento