Giornale Web
CON GESU'

 

 

Il Figlio e lo Spirito, missionari
del Padre, invitano a partire
a piedi scalzi e a mani nude
per essere condotti dall’Amore
agli sradicati e dislocati
dalla inumana cupidigia.
Il Figlio manda
lo Spirito di letizia a consolare, secondo il disegno d’amore del Padre.

 

Lasciamoci pervadere e condurre
dallo Spirito di Gesù e andiamo ad abitare tutti gli angoli della terra, dove l’umanità vive, per raccontare l’esperienza meravigliosa dell’Amore di Dio Padre, reso visibile
nella carne del Figlio, affinché
la speranza, la libertà e la verità
diventino l’ambiente dove ogni persona raggiunge la sua maturità.


Festa della S.S.Trinità
18 maggio

è’ la festa del "Dio uno in Tre Persone". Tre persone con la stessa sostanza. Con questo è già detto tutto, ma tutto resta ancora da capire, da accogliere con amore, da adorare, contemplando.
Ascoltiamo quanto riporta il passo di Atti 10,37-38 dove l’apostolo Pietro dice al centurione, uomo pieno di fede e di misericordia
“Incominciando dalla Galilea, dopo il battesimo di Giovanni, Dio consacrò in Spirito Santo ( cioè con olio di letizia) e potenza, Gesù di Nazareth, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del maligno,
perché Dio era con Lui.”

E in Luca 4, 18
Gesù stesso dichiara

“Lo Spirito del Signore è sopra di me...,mi ha consacrato con l’unzione”
Gesù riceve il dono della gioia, dopo tanto patire, dal Padre che Lo invia.
Importanza centrale sul fronte missionario! Si afferma che tutti i popoli - anche i non cristiani - sanno che Dio esiste e i 'pagani' credono in un Dio. Questa verità condivisa pur con differenze, riserve e la necessità di purificare immagini e rapporti - è la base che rende possibile il dialogo fra le religioni e fra i cristiani tra loro.
Sulla base del Dio unico, comune a tutti, è possibile tessere un'intesa fra i popoli, in vista di azioni concertate, a favore della pace, in difesa dei diritti umani, per la realizzazione di progetti di sviluppo.
Su questo fronte abbiamo visto gesti
coraggiosi e positivi di intesa e collaborazione, promossi anche da grandi Papi, come Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II;
ma sempre nella chiara consapevolezza che tutto questo è
soltanto una parte dell'azione evangelizzatrice della Chiesa nel mondo.
Per un cattolico, l'orizzonte di relazioni, fondate sull'esistenza di Dio unico, non è sufficiente e, tanto meno lo è, per un missionario cosciente della straordinaria rivelazione, ricevuta per Gesù Cristo, rivelazione che abbraccia
tutto il "Mistero" del Dio, Uno e Trino.
L’annuncio della Buona Notizia della pace che, ogni uomo missionario porta al mondo, apre l’orizzonte del nostro cuore
a Dio, comunione di Persone.

La parola "Mistero" è da intendersi
più per ciò che rivela,
che per quello che nasconde.
Facciamo parlare i mistici.
S. Giovanni della Croce
"C'è ancora molto da approfondire in Cristo; infatti, Lui è come una miniera
ricca di immense vene di tesori, nella quale, per quanto si vada a fondo, non si trova la fine; anzi in ciascuna cavità si scoprono nuovi filoni di ricchezze".
Rivolgendosi alla Trinità,
Santa Caterina da Siena esclama:
"Tu, Trinità eterna, sei come un mare profondo, in cui più cerco e più trovo, e quanto più trovo, più cresce la sete di cercarti. Tu sei insaziabile; e l'anima, saziandosi nel tuo abisso, non si sazia, perché permane nella fame di te
e sempre più te brama, o Trinità eterna".
Sulla rivelazione cristiana del Dio unico
in tre Persone
, in se stesso,
nei suoi rapporti con l'uomo e il creato
e per le relazioni fra le persone umane,
un Anonimo ci trasmette il seguente dialogo, scarno ma essenziale,
tra un musulmano e un cristiano:
Dice un musulmano:
"Dio, per noi, è Uno;
come potrebbe avere un figlio?"
Risposta di un cristiano:
"Dio, per noi, è Amore;
come potrebbe essere solo?"
Si tratta di una forma di “dialogo interreligioso”, che manifesta una verità fondamentale del Dio cristiano, capace di arricchire sia il monoteismo ebraico e musulmano che le altre religioni.
Infatti, il Dio rivelato da Gesù
è soprattutto Dio-amore.

Egli si rivela a noi come
“Dio ricco di misericordia e pietoso”.
È questo il vero volto di Dio
che tutti i popoli hanno il diritto
e il bisogno di conoscere.

Il Concilio Vaticano II afferma
in “Ad Gentes, cap.1, 2”
“La Chiesa pellegrinante nel mondo,
che vive nel tempo, è missionaria
per sua natura, in quanto essa trae origine dalla missione del Figlio e dello Spirito Santo, secondo il piano di Dio Padre.
Questo Piano scaturisce dalla
“fonte d’amore”, il Cuore di Dio Padre,
che genera il Figlio nello Spirito Santo.
Ed è Lui il Figlio che invia
"l'olio di letizia" per guidarci, illuminarci, consigliarci e consolarci,
con infinita benevolenza, liberamente.
E'sempre Lui che ci ricrea e ci chiama
a partecipare alla sua Vita, per farci felici”.


>> SOLIDARIETA' ACQUA PER CAPO VERDE"

ARCHIVIO GIORNALE

>> La via della luce >> Il Santissimo Corpo e Sangue >> Festa del Sacro Cuore di Gesù
>> Festa della S.S.TrinitÓ >> Sono nato proprio come te >> A scuola da Gesù
>> Tanti Auguri al sacro Cuore di Gesu' >> Festa dell'Ascensione >> La festa delle luci


Noi & Voi Amici Sempre

PROGETTO NUOVO

EDITORIALE

CON MARIA

CON GESU'

GIOVANI OGGI

PAGINA APERTA

DIRETTA CON DIO

ITALY-CAPVERT

LA PSICOLOGA

LA POSTA

MEDICI SOLIDALI

SPAZIO FAMIGLIA

TESTIMONI

SOLOSALUTE

Vuoi ricevere online?
Per ricevere
NOI & VOI AMICI DI CAPO VERDE
invia la tua e-mail a
sorellanenne@missionicapoverde.it
oppure telefona al 333.4412591

Torna a inizio documento