News
IN VETRINA

 

 

 

AMICIZIA n.3-4/2001
UCSEI STUDENTI ESTERI 2008

La “Politica”di Dio sull’immigrazione
di Tiberius Anzulimi

[…] Un anziano raccontava di due amici
che vivevano vicino a lui:
l’uno era straniero,
l’altro originario della regione.
Lo straniero era un po’ negligente,
il cittadino si applicava molto.
Lo straniero morì e l’anziano, che era veggente, vide un gran numero di Angeli venuti a prendere la sua anima.
Nel momento che arrivò in cielo, fu fatta un’inchiesta su di lui; una Voce scese allora dall’alto: “E’ vero che fu un po’negligente,
ma apriteli la porta, perché era andato a vivere lontano dal suo paese”.
Poco dopo anche il cittadino morì e tutta la famiglia venne a salutarlo.
L’anziano non vide gli Angeli venire a prendere la sua anima e si meravigliò.
Si prostrò davanti a Dio e gli disse:
“lo straniero ha meritato tanta gloria, sebbene fosse un po’ negligente,
mentre costui, con tutto il suo zelo, non ha meritato nulla di simile!”.
Una Voce gli rispose:
"
Colui che era molto osservante,
prima di morire, aprì gli occhi e
vide i suoi familiari in lacrime
e ne fu molto consolato.
Lo straniero, invece, quando morì, non vide nessuno accanto a sé e si mise a piangere.
E Dio si fece
il suo consolatore”.

Questo racconto ci inserisce
nell’ottica di Dio.
Egli apre le porte
della città celeste per il semplice fatto
che lo straniero ha lasciato il suo paese .
Non c’era un altro motivo.
Rispetto al cittadino, lo straniero è stato negligente e maldestro nell’assumere gli atteggiamenti del paese che lo ospitava.
Ma a Dio non interessano
le qualità umane e la bravura.

L’unica cosa che gli interessa, davvero,è quella disponibilità, come quella di Abramo,
per cui si è disposti
a lasciare il proprio paese
e a camminare per incontrare l’altro.

E’ ovvio che il racconto non può diventare
una piattaforma politica, ma letto
nella sua valenza simbolica,
può offrire una visione sull’uomo
rasserenante e riconciliante […].
La Chiesa, mai come oggi,
deve farsi carico
di una tale visione culturale.

Perché l’incontro
tra straniero e cittadino
possa diventare reale

e la solitudine dei due
possa scomparire

nel riconoscimento dell’altro;

non è più ammissibile che la Chiesa divida
il suo agire in “caritas” per gli stranieri
e in “missione” per i cittadini.


ARCHIVIO

>> I disabili >> Giovanni Paolo II >> Abbè Pierre
>> Il nostro Amico e Padre >> Orme impresse nella Vita Eterna >> La Politica di Dio sull'immigrazione
>> Lettera a chi vorrebbe... >> Umanizzare le relazioni >> Il lavoro minorile nel mondo
>> Anche tu come Gesù >> Amando fino alla fine >> COMUNICATO x Medici Specialisti Volontari
>> FAMILY 2012 Con parole migranti >> G.M.Migrantes 13 gennaio 2013 >> Sulle strade del mondo
>> XXV GIORNATA MONDIALE DEL MALATO 2017 >> Grazie, fratello Claudio!


Mi aiuti a crescere
(pdf)


Vinha do Fogo
(pdf progetto)


La Prima Notte Bianca
(pdf)


Giornata Internazionale di Intercessione per la Pace
(pdf)


2010 volte Capo Verde

A Sua Immagine

Padre Ottavio

Federico

Album: Filmati

Padre Ottavio
(filmato)


Iniziative

Appelli

In vetrina

Noi & Voi Amici Sempre
Torna a inizio documento