News
IN VETRINA

 

Il Lavoro minorile nel mondo
Da una pubblicazione dell'Unicef sul Lavoro Minorile, è molto utile per i corsi di approfondimento sulla Mondialità, per i programmi delle scuole, andare a vedere i dati presenti sul sito www.progscuola@unicef.it
Nessuno sa con certezza quanti sono i bambini
e le bambine che lavorano nel mondo.
In mancanza di cifre esatte, l’OIL
(Organizzazione Internazionale del Lavoro)
stima che siano coinvolti nel fenomeno circa 250 milioni
di bambini fra i 5 e i 14 anni nei PVS. A questi vanno poi aggiunti i bambini-lavoratori del mondo industrializzato, Europa (soprattutto nei paesi
exsocialisti), Nord America e Oceania.
Per l’Italia è stata finora ipotizzata la cifra
di circa 530 mila casi, secondo alcuni studi.
Negli Stati Uniti lavorano circa 5 milioni e mezzo
di ragazzi. Oggi possiamo sperare che si bandisca dalla storia il lavoro minorile forzato, al pari
di quanto già accaduto con la schiavitù
e con l’apartheid.
Non sarà certamente una strada facile né breve, poiché gravi cause strutturali
sono alla fonte del lavoro dei più piccoli,
ma non vi è difficoltà che possa giustificare l’inerzia di fronte a un’ ingiustizia assurda, che colpisce i soggetti più deboli per il profitto di pochissimi.
La prima fondamentale causa del lavoro minorile,
a tutte le latitudini, è la povertà.
Con ciò non si vuole affermare che la povertà conduca necessariamente al lavoro minorile:
lo Stato indiano
del Kerala, ad esempio, ha virtualmente abolito questa piaga al suo interno, pur essendo tutt’altro che ricco. Tuttavia, sono
le famiglie economicamente più vulnerabili quelle
da cui provengono i piccoli lavoratori e le piccole lavoratrici. Per le famiglie povere, il contributo offerto dal reddito di un bambino che lavora
può fare la differenza tra la fame e la sopravvivenza. «Più una popolazione è povera,
più ha tendenza ad avere molti figli che possano contribuire a mantenere le famiglie. Più una popolazione è povera, più è analfabeta, in quanto
i bambini, costretti a lavorare, non vanno a scuola. E più una popolazione è analfabeta, più rimane nel sottosviluppo e nella povertà»:
il sociologo pakistano Nazar Ali Sohall sintetizza così
il circolo perverso che lega povertà, ignoranza
e sfruttamento del lavoro minorile.
L’UNICEF affronta il problema
del lavoro minorile con una visione globale, coinvolgendo il maggior numero possibile di attori sociali ed istituzionali: i bambini, le famiglie,
i governi, le organizzazioni non governative locali
e internazionali, ma anche sindacati, datori di lavoro, leader spirituali. Non ci sono ricette univoche, ma, ovunque, è indispensabile produrre uno sforzo di creatività progettuale, modulando interventi diversificati, con l’unico obiettivo
della massima efficacia. E’fondamentale offrire un’alternativa al lavoro, altrimenti si rischia semplicemente di creare nuove forme di miseria. Quando, nel 1993, il senatore degli Stati Uniti
Tom Harkin presentò un progetto di legge
(il Child Labor Deterrence Act) volto a proibire l’importazione negli USA di prodotti tessili , realizzati con manodopera minorile, la reazione immediata degli imprenditori tessili in Bangladesh
fu di licenziare circa 50mila minorenni dalle loro fabbriche. Indagini condotte nei mesi successivi scoprirono che la gran parte di questi ragazzi, privi di qualsiasi alternativa organizzata, erano finiti a fare lavori ancora più degradanti e faticosi (facchinaggio, carrettieri, spaccapietre) oppure
a rubare o prostituirsi.Non è così che si risolvono
i problemi.
Situazione in Bangladesh:
I bambini sono purtroppo una fonte importante
di lavoro sia nelle zone rurali che nelle città.
Il lavoro minorile viene estensivamente usato
e già a 8/9 anni i bambini hanno cura completa
del bestiame, aiutano nella pesca etc..A 11 anni sono attivi quanto un adulto. Già negli anni della scuola elementare i bambini sono integrati nelle attività di sostentamento dell’intera famiglia.
Un contadino non può assolutamente permettersi
di dar lavoro ad altri adulti estranei e pagarli, ricorre quindi ai suoi figli, anche se giovani, per
i vari lavori nei campi. Solo i proprietari
di molto terreno possono permettersi di non far lavorare i bambini e di mandarli a scuola, compensando la perdita di lavoro dei figli con personale a pagamento. Nelle zone rurali sono
i bambini poveri che diventano servi nelle case
dei ricchi, sono loro che non hanno la possibilità
di andare a scuola, sono loro che hanno la loro infanzia distrutta dalla povertà.
Ma anche nelle città è la classe sociale che influisce sullo stile di vita del bambino. Anche se, nelle città, la frequenza alle scuole è superiore, coloro che abitano negli slums, non hanno accesso alle scuole per il motivo semplice che negli slums non vi sono scuole! La visita ad una delle poche scuole presenti nello slum, quello di Manda fa toccare con mano la triste esistenza di questi derelitti, abbandonati da tutti, che passano quella che dovrebbe essere la parte più bella e serena della loro vita in mezzo ai rifiuti,cercando qualcosa da mangiare. L’accesso indiscriminato alle aree urbane porta ad agglomerati umani in condizioni
di vita subumane, in cui la mancanza di strade,
di acqua, di fogne e di elettricità,bisogni primari, fanno passare la scuola in secondo piano.
Lavoro e Scuola: su 100 Bambini
che lavorano, 89 sono senza istruzione;
Moltissimi bambini quindi vivono alla giornata,
di accattonaggio o di lavori che sono inventati
sul momento e il censimento nemmeno li considera:
noi sappiamo che esistono solo perchè li vediamo. Chi li ha visti razzolare in enormi discariche, assieme a porci,topi,galline alla ricerca di qualche cosa non può restare indifferente.Persino le buste di plastica si recuperano e una volta lavate si vendono a 15-20 taka al chilo. Poi si fondono e
si ricava qualche oggetto di plastica.
Le bambine lavorano generalmente come domestiche e,
nel 1974, si calcolò che almeno 80.000 bambine
di 10/14 anni
facevano servizi domestici in case altrui; ma anche in età inferiore molte di esse lavorano a servizio e continuano a farlo
sino a che si sposano in età giovanissima.
In queste condizioni andare a scuola è una chimera
soltanto le più fortunate, se hanno una scuola pubblica vicina e se il datore di lavoro permette
di assentarsi per 2/3 ore, possono frequentare
la scuola per almeno un anno o due.Un ottimo esempio è il lavoro del BRAC, ONG del Bangladesh
che ha creato oltre 30mila centri educativi non formali. In questo paese, fra i più poveri e sfortunati del mondo con un tasso di analfabetismo del 65% il BRAC coinvolge centinaia e migliaia di bambini tra gli 8 e i 14 anni, che altrimenti non potrebbero studiare. Molti di loro lavorano nei campi o nell’ industria tessile, e non possono smettere di farlo da un giorno all’altro.
Per questo il BRAC propone loro giornate scolastiche di due ore e mezzo in media, in unità
di quartiere. Le scuole BRAC non comportano oneri economici per i genitori e questa è una delle ragioni che permette l’incredibile successo: oltre il 95% degli iscritti completa il corso triennale e può così accedere alla quarta classe delle normali scuole elementari. Così è la scuola nello slum di Manda


ARCHIVIO

>> I disabili >> Giovanni Paolo II >> Abbè Pierre
>> Il nostro Amico e Padre >> Orme impresse nella Vita Eterna >> La Politica di Dio sull'immigrazione
>> Lettera a chi vorrebbe... >> Umanizzare le relazioni >> Il lavoro minorile nel mondo
>> Anche tu come Gesù >> Amando fino alla fine >> COMUNICATO x Medici Specialisti Volontari
>> FAMILY 2012 Con parole migranti >> G.M.Migrantes 13 gennaio 2013 >> Sulle strade del mondo
>> XXV GIORNATA MONDIALE DEL MALATO 2017 >> Grazie, fratello Claudio!


Mi aiuti a crescere
(pdf)


Vinha do Fogo
(pdf progetto)


La Prima Notte Bianca
(pdf)


Giornata Internazionale di Intercessione per la Pace
(pdf)


2010 volte Capo Verde

A Sua Immagine

Padre Ottavio

Federico

Album: Filmati

Padre Ottavio
(filmato)


Iniziative

Appelli

In vetrina

Noi & Voi Amici Sempre
Torna a inizio documento