S. Tiago


Dio non ci obbliga... Dobbiamo aprire le nostre porte...
Spetta a noi, uomini e cristiani dei paesi dell'abbondanza, vivere la caritÓ di liberarci dall'eccesso di conforto, dall'accettazione del superfluo, dal materialismo pratico, dal pericolo di dare scandalo
al nome di Colui che seguiamo, Cristo Ges¨.

Ho bussato alla tua porta

Ho bussato al tuo cuore
per un letto decente
per avere un buon fuoco.
Perché mi scacci?

Aprimi, fratello!
Perché mi domandi
se vengo dall'Africa,
se vengo dall'America,
se vengo dall'Asia,
se vengo dall'Europa?

Aprimi, fratello!
Perché vuoi indagare
sulla lunghezza del mio naso,
sullo spessore delle mie labbra,
sul colore della mia pelle,
sul nome dei miei dei?

Aprimi, fratello!
Non sono un nero,
non sono un rosso,
non sono un giallo,
io non sono che un uomo.

Aprimi, fratello!
Apri per me la tua porta,
aprimi il cuore,
perché io sono un uomo,
l'uomo di tutti i tempi
e sotto tutti i cieli,
l'uomo tuo simile!

(Poesia africana)

ARCHIVIO ARTICOLI

>> Una bocca amabile >> Ho bussato alla tua porta >> Crocifissione
>> L'alfabeto di Dio

Torna a inizio documento