Giornale Web
DIRETTA CON DIO

 

Antonio il santo
di Padova, medico dell'anima e del corpo

È un grande privilegio per un Apostolo
del Signore poter applicare a sé il magnifico testo di Isaia che Gesù a Nazaret ha applicato a se stesso: "Lo Spirito del Signore è su di me perché il Signore mi ha consacrato
con l'unzione; mi ha mandato a portare
il lieto annuncio ai poveri...". Veramente
lo Spirito era su Antonio di Padova, che ha portato il lieto annuncio del Vangelo
ai poveri con un successo straordinario.
Ed ha fasciato le piaghe dei cuori spezzati,
ha annunciato la liberazione dei prigionieri, in modo così luminoso, così straordinario,
che è stato canonizzato a nemmeno un anno dalla sua morte.
È una realtà che oggi sarebbe impossibile, ma che dice bene quanto profonda fosse la venerazione per Antonio del popolo cristiano. In questo testo di Isaia, in cui vediamo chiaramente l'azione dello Spirito consolatore che fascia le piaghe del cuore e consola gli afflitti, vorrei sottolineare l'annuncio di libertà, che ci fa vedere
lo Spirito all'opera come creatore....
Tutti noi siamo prigionieri di tanti condizionamenti, provenienti dal nostro temperamento, dalle circostanze, dallo stato
di salute, dai rapporti interpersonali
che non sempre sono armoniosi...E cerchiamo la liberazione. Ma la vera liberazione viene
in modo inatteso, in modo paradossale dallo Spirito di Dio, che non risolve i problemi,
ma ci porta a vivere più in alto e oltre.

Nella vita di Antonio da Padova possiamo constatare questa liberazione, operata dallo Spirito. Antonio avrebbe potuto essere grandemente deluso, depresso, perché
tutti i suoi progetti erano stati scombussolati. Voleva essere missionario, voleva perfino morire martire e proprio per questo si era imbarcato per andare fra i musulmani.
Ma il suo viaggio non raggiunse la meta:
invece di sbarcare nei paesi arabi, è sbarcato fra i cristiani, in Sicilia e poi rimane in Italia. Avrebbe potuto passare il resto della
sua vita a compiangere se stesso:

"Non posso realizzare la mia vocazione!".
Ed invece fiorì dove il Signore lo aveva inaspettatamente piantato:
cominciò subito a predicare, a fare tutto il bene che poteva e acquistò una fama così straordinaria, ancora oggi vissuta dal popolo di Dio che,
come un fiume, va a Padova a trovarlo
per chiedergli protezione, intercessione e
grazie fisiche, spirituali, morali..
Preghiamolo con insistente devozione.


>> COSTRUISCI CON NOI! DONA IL 5 PER MILLE

ARCHIVIO GIORNALE

>> Sono un uomo di preghiera >> Si va' controcorrente >> Pensiamo all'umanità
>> Le cinque vie del perdono >> Elogio della donna forte >> La preghiera
>> Alla Madre di tutti >> L'umile amore >> Madre di chi soffre
>> Lettera di Natale >> Maria,madre di Dio e nostra >> Ti ho conosciuto
>> Credo o Signore, ma tu aumenta >> TUTTI I SANTI >> Felice l'uomo (Sal.32(31)
>> Il lato luminoso >> Sii felice se Dio è con te! >> San Raffaele Arcangelo
>> La missione dei 12 >> Sono grano o zizzania? >> la Parola di Dio è viva...
>> Antonio il santo di Padova...


Noi & Voi Amici Sempre

PROGETTO NUOVO

EDITORIALE

CON MARIA

CON GESU'

GIOVANI OGGI

PAGINA APERTA

DIRETTA CON DIO

ITALY-CAPVERT

LA PSICOLOGA

LA POSTA

MEDICI SOLIDALI

SPAZIO FAMIGLIA

TESTIMONI

SOLOSALUTE

Abbonati!
Vuoi ricevere il nostro GIORNALE direttamente a casa tua? Telefonami al num. 011-214.934

Torna a inizio documento